La centrale idroelettrica di AVISE è un impianto di importanza nazionale, inserito nel piano di riaccensione della rete elettrica 220 kV nel caso di blackout totale.
La sala macchine, su progetto dell’architetto Giovanni Muzio, ricavata in caverna e raggiungibile attraverso una galleria lunga circa settecento metri, è abbellita da un grande affresco che rappresenta i dodici segni zodiacali.
La caverna, che accoglie sia i gruppi idroelettrici, che i trasformatori elevatori di tensione per vettoriare all’esterno l’energia prodotta già a 220.000 V., potrebbe contenere un palazzo di dieci piani.


Comune:
Avise (AO)

Quota:
735 m.slm

Entrata in esercizio:
anno 1954

Bacino imbrifero:
110 km2

Asta idraulica:
fiume Dora Baltea

Opera di presa:
diga di Beauregard

Capacità:
2.345.000 m3

Canale di derivatore:
in pressione

Lunghezza:
11 Km

Gruppi:
n. 3+2 con turbine Pelton

Salto di concessione:
972 m

Portata:
16,5 m3/s

Potenza:
126 MW