Per avere maggiori informazioni segui questo link

La diga di Beauregard, che sbarra il corso della Dora di Valgrisenche a 1.695 m s.l.m., poco a monte del capoluogo, è stata ultimata a metà degli anni Cinquanta con l’impiego di 430.000 m3 di calcestruzzo. La diga, originariamente la seconda per dimensioni sul territorio regionale dopo Place Moulin, ha una struttura ad arco di gravità simmetrica e a doppia curvatura, che si appoggia sui due versanti della vallata. L’impianto è collegato alla centrale di Avise con un canale derivatore in galleria in pressione, della lunghezza di 11.340 metri e da una condotta forzata di 1.580 metri. La diga venne inizialmente progettata per una capacità utile di 70.000.000 m3 per l’apporto del suo bacino imbrifero di 94 km2. Purtroppo la diga ha conosciuto, fin dalle prove di collaudo della fine degli anni Cinquanta, delle limitazioni d’invaso sempre più restrittive a causa della presenza di una “Deformazione Gravitativa Profonda di Versante”, che insisteva sulla sponda sinistra del bacino, tendendo a comprimerne l'arco. Tale tipologia di deformazione, per sua natura, non è soggetta ad accelerazioni improvvise e, in ogni caso, qualsiasi variazione verrebbe tempestivamente rilevata dalle rilevazioni quotidiane. Questo movimento è stato rilevato sin dai primi invasi di collaudo (1957 – 1969), pertanto la diga è stata messa subito in sicurezza riducendo al minimo l'invaso che, a progetto, era di 70.000.000 m3 di acqua, mentre fino all'inizio dei lavori era di poco più di 2.000.000 m3. L'intervento di riduzione altimetrica di 52 metri della diga, iniziato nel 2011, non ha soltanto permesso l'adeguamento della struttura stessa, ma ha anche contribuito alla salvaguardia dell’ambiente alpino, mantenendo la funzione di laminazione delle piene già assicurata dal serbatoio nei più di 50 anni di esercizio. I lavori si sono conclusi nel 2015.


Comune:
Valgrisenche (AO)

Impianto di appartenenza
Avise

Periodo di costruzione:
anno 1950-1960

Collaudo:
anno 1969

Bacino imbrifero totale:
110 km2

Capacità utile di invaso:
2.345.000
(in origine 70.000.000) m3

Quota massimo invaso:
1.705
(in origine 1.770) m. slm

Tipologia della struttura:
in origine ad arco gravità in calcestruzzo a doppia curvatura

Altezza dello sbarramento:
80
(in origine 132) m

Sviluppo al coronamento:
184
(in origine 394) m

Spessore alla base:
40 m

Spessore al coronamento:
15
(in origine 5) m